Top Sponsor

La conferenza stampa di Rastelli

La conferenza stampa di Rastelli

La conferenza stampa di Rastelli

Archiviare i 3 punti di Venezia e mettere testa solo all’impegno con la Virtus Entella. Massimo Rastelli non usa mezzi termini parlando alla stampa, durante la conferenza che precede l’esordio casalingo con i liguri. “Dobbiamo prendere di buono quanto fatto a Venezia – osserva l’allenatore dei grigiorossi – ma nello stesso tempo migliorare ciò che non ha funzionato in quella gara. Per il resto archiviamo quella vittoria, ora conta solo quanto riusciremo a fare domani”.
Appuntamento con la Virtus Entella, in programma alle 21 di sabato allo Zini. “Massimo rispetto per l’Entella – commenta il tecnico – E’ una neopromossa ma ha un organico di Serie B; meglio, già l’aveva lo scorso anno. Una rosa che alla qualità abbina l’entusiasmo e un’organizzazione ben definita. Noi però giochiamo davanti al nostro pubblico e vorremmo dare un’altra gioia ai nostri tifosi con una prestazione all’altezza”.
Passando in rassegna lo stato di salute della rosa, Rastelli osserva: “Terranova da qualche giorno sta lavorando con continuità, anche se con il gruppo ha svolto solo qualche esercitazione dove non c’era una grandissima intensità. Sta continuando nel suo programma di recupero e sarà disponibile dopo la sosta. Anche gli ultimi arrivati stanno trovando una condizione accettabile, mentre Piccolo è recuperato al 100 per cento”.
La giornata d’esordio ha confermato quanto la Serie B sia imprevedibile. “La prima giornata – spiega Rastelli – ha confermato tutte le difficoltà che si incontrano nel torneo, con le favorite che hanno faticato tantissimo a dimostrazione che le partite vanno sempre giocate e niente sarà facile per nessuno. Per noi sarebbe fondamentale trovare altri 3 punti domani per poi preparare la successiva sfida a mercato chiuso, con l’organico al completo”.
Per Rastelli la concretezza davanti a tutto: “Ho sempre cercato di far giocare bene le mie squadre – dice – ma allo stesso tempo voglio concretezza e cinismo: quel che più conta è il risultato”.