Top Sponsor

L’Integrity Tour fa tappa a Cremona

L’Integrity Tour fa tappa a Cremona

L’Integrity Tour fa tappa a Cremona

L’Integrity Tour, organizzato dalla Lega B, in collaborazione con l’Istituto per il Credito Sportivo e l’Associazione Italiana Calciatori, ha fatto tappa nel pomeriggio di giovedì 7 novembre a Cremona. L’obiettivo di questi incontri è quello di formare giovani atleti sui temi dell’integrità e della lotta alla corruzione nel calcio, con particolare riferimento alle scommesse sportive.

Il saluto di benvenuto presso la sala stampa del Centro Sportivo “Giovanni Arvedi” è stato posto dal direttore generale della Cremonese Paolo Armenia: “Ritengo che queste iniziative siano molto importanti, in quanto è essenziale educare e attenzionare circa questi argomenti, dal Settore Giovanile fino alla Prima Squadra. Il nostro impegno come società è costante nei confronti di questa problematica”. La parola è passata poi all’avvocato Gabriele Nicolella, dell’area legale LNPB: “Siamo sempre vigili in merito alle questioni di match fixing, soprattutto perché si tratta del possibile coinvolgimento dei calciatori del futuro e non solo perché le responsabilità siano unicamente in ambito personali, ma implicano anche la società”. I rischi personali e del club dal punto di vista penale, civile e sportivo sono dunque al centro del confronto. La parola è passata poi all’avvocato Umberto Calcagno dell’Associazione Italiana Calciatori: “Siamo felici di poter condividere con la Lega B questo percorso: pensiamo sia essenziale per entrambi tenere alti i valori dello sport: tutto questo non deve essere messo a rischio e danneggiato dalle scommesse. Il progetto mira a dare consapevolezza di cosa sia il fenomeno e di ciò che si rischia”. All’integrity tour hanno partecipato i calciatori della Prima squadra, della Primavera e dell’Under 17. Relatori della giornata sono stati: Nicolella, Alessandro Camponeschi (Are competizioni Lega B), Calcagno, Paolo Bianchet (delegato AIC), Silvia Rosa (Responsabile Commerciale Ics)