Top Sponsor

Rastelli: “Cosenza in salute, ma la Cremo è in costante crescita”

Rastelli: “Cosenza in salute, ma la Cremo è in costante crescita”

Rastelli: “Cosenza in salute, ma la Cremo è in costante crescita”

Al “San Vito-Gigi Marulla” oltre a Mariano Arini la Cremonese, probabilmente, dovrà rinunciare a Claiton alle prese con un affaticamento al flessore. In settimana Massimo Rastelli ha preparato la gara con il Cosenza anche tenendo conto di queste circostanze. “Come sempre – spiega l’allenatore nel corso della conferenza stampa – abbiamo cercato di prestare grande attenzione a quelli che potrebbero essere i loro punti deboli, ma sappiamo perfettamente che andremo ad affrontare una squadra in salute nonostante la battuta d’arresto di Livorno e lo faremo su un campo tradizionalmente molto caldo”.
“Sta a noi – prosegue l’allenatore dei grigiorossi – concedere agli avversari il minimo indispensabile restando propositivi. Nelle ultime 2 gare ho contato più di 30 tiri, ma ciò non è servito a fare gol: la finalizzazione è l’unica cosa che ci manca. Creiamo gioco e occasioni, il rammarico è non riuscire a concretizzare”. E mai come in un campionato come questo è fondamentale non restare a mani vuote. “Da un mese e mezzo – spiega Rastelli – vedo giorno dopo giorno la squadra in costante crescita: muovere sempre la classifica e fare quel salto di qualità che ancora ci manca restano i nostri obiettivi”. Per la seconda volta da quando è alla guida della Cremonese, il tecnico dovrà rinunciare ad Arini: “Fortunatamente – dice – i recuperi di Castagnetti ed Emmers e l’arrivo di Mbaye ci tutelano dal punto di vista numerico, anche se sappiamo che le caratteristiche di Arini sono difficilmente sostituibili”.
La chiusura è riservata al Cosenza: “Braglia – osserva Rastelli – è un allenatore molto preparato ed esperto che cambia molto durante gli incontri, dovremo essere pronti ad ogni evenienza”.